CUCINARE VERRIGNI… 5 passi per gustare il vero sapore della pasta artigianale

11168020_10206969485534645_5111968749556201464_n

11168020_10206969485534645_5111968749556201464_n

I tempi di cottura riportati in etichetta sono il frutto della collaborazione con alcuni dei più importanti chef Italiani che apprezzano la nostra pasta e la propongono in carta da diversi anni. Questa collaborazione ci ha permesso di stabilire dei tempi di preparazione che rispettino le materie prime impiegate e valorizzino il piatto nel suo insieme.

La tempistica indicata in etichetta è stata stabilita come momento ideale per l’impiattamento del prodotto, ma non rappresenta una indicazione perentoria e tassativa; raggiunta la cottura si può scolare la pasta quando si ritiene opportuno, rispettando il principio che i gusti personali sono soggettivi e meritevoli di pari dignità.

Modalità di cottura della pasta artigianale essiccata a bassa temperatura.

Stiamo parlando di un’operazione che non può essere derubricata a semplice passaggio che precede il condimento e l’impiattamento, ma si tratta di una operazione importante al pari delle successive che necessita di alcune attenzioni:

  1. Quantità d’acqua: per le paste artigianali essiccate a bassa temperatura servono ALMENO 1,5 litri ogni 100 grammi di pasta.
  2. L’acqua deve essere portata a vigoroso bollore e soltanto dopo eventualmente salata, la pasta non va mai cotta in acqua con aggiunta di dado o altri aromi. Il bollore deve essere mantenuto per tutto il tempo di cottura, se il quantitativo di pasta introdotto nell’acqua è tale da comportare un abbassamento della temperatura (diminuzione delle bolle) si deve coprire la pentola.
  3. “Buttata” la pasta va operato un rimescolamento, ma a seguire la pasta va lasciata riposare fino ad almeno due terzi del tempo di cottura.
  4. Al raggiungimento del tempo di cottura la pasta va assaggiata periodicamente (intervalli approssimativi di 30/40 secondi) e va scolata al raggiungimento del giusto grado di consistenza secondo i gusti personali.
  5. Dopo la scolatura la pasta va condita, ma non mantecata; la buona pasta ha un suo sapore che non deve essere coperto dal condimento.

Buon appetito con Verrigni.

 

by francesca

solo chia ama il proprio lavoro è in grado di trasmettere la sua passione... troverete informazioni, ricette, news e tutto quanto possa servire per conoscere ed apprezzare il mondo Verrigni. Un mondo fatto di pasta, di made in Italy vero e di nonsolopasta cioè prodotti che selezioniamo, testiamo e consigliamo noi verrignimood. E sempre...BUONA PASTA!!!